Tornerò a sollecitare le vostre anime

Я – Io seconda parte

Lo sapete che ero un profeta?

Su questo mio ruolo profetico successivamente sono stati scritti dei libri, dei saggi… e sono molto grato a tutti coloro che hanno voluto dedicarmi la loro attenzione, il loro interesse, a tutti coloro che mi hanno amato e che mi amano, anche se nessuno ha potuto conoscermi fino in fondo.

Per forza: non mi conoscevo neppure io stesso, con tutti quegli specchi retrovisori distorti… con tutti quegli scompartimenti stagni… e, a proposito, e voi? voi pensate davvero di conoscervi?

E ritenete forse che la realtà umana sia l’unica realtà disponibile nella terrestricità?

Preparatevi a cambiare idea, anzi, a cambiare molte idee… più o meno tutte… 🙂

Tornando al mio cosiddetto passato.

Vorrei presentarvelo tramite un cocktail composto dai frammenti delle mie canzoni.

Canzoni che spero vorrete ascoltare per intero… e mentre le starete ascoltando, vi chiederei anche di aggiornarle e di rimetterle a fuoco, sintonizzandovi sul fuoco e sulle onde della nuova Cosmo-Terra- vision disponibili gratuitamente nell’atmosfera. Basta ruotare nel senso giusto la manopola centrale! Quale manopola? Ma quella che creerete con le vostre stesse azioni, anche con quelle apparentemente banali, senza un titolo importante, anche quelle che vi fanno sentire delusi e stufi. Sono tutte potenzialmente stupefacenti, potenzialmente trasformative: azioni – chiavi, azioni – gate, azioni – canalizzazioni!

Ho predetto ed anticipato parecchie cose dei tempi odierni, ho disseminato qua e là un bel po’ di cartelli stradali illuminati con una luce soffusa – sfusa – invisibile, cartelli stradali mobili ed interattivi che indicavano una località ancora inesistente, ancora inaccessibile, su una rotta ancora da formare.

E ora che questa meravigliosa località sta apparendo, sta sbocciando, quei centri che ho fatto possono e devono essere scoperti, allacciati, rilanciati.

Aiuteranno coloro che sono in viaggio nella e verso la località terrestre, e non intendo soltanto camminatori ed esploratori umani.

Nel frattempo però, alcuni di quei cartelli stradali hanno perso un po’ di colorito, si sono rinsecchiti, si è staccato qualche pezzo di rivestimento, insomma, hanno decisamente bisogno di una bella rinfrescata.

E poi è cambiata, sta cambiando anche l’utenza: tutta questa massa della Vita che si muove vivendo le avventure che la consapevolezza è in grado di offrire. La consapevolezza di prima si sta dissolvendo, le avventure tagliate su misura per un essere umano singolo e separato tendono ad uscire di moda, sono stati assunti nuovi tecnici e nuovi codici della luce e del suono dai quali dipende il comportamento del palcoscenico, e le differenze, le differenze traboccano e si riversano dappertutto e… contano, contano sempre di più.

Investire nelle differenze…

Io vorrei essere un vademecum cristallino e a prova di errore, in grado di aiutare i motori di ricerca a girare per i versi giusti, ma vi prego, datemi una mano: accordate, inspirate, espirate, sostituite, liberate, tagliate, cucite, unite, riavviate, lasciate andare, lasciare venire!

Intrecciate le vostre voci con la mia, le vostre corde con le mie, i vostri nomi con i miei… e così espanderemo il più possibile le nostre rispettive autonomie, i nostri rispettivi Sensi Maiuscoli.

Procedete pure con i vostri ritmi, usufruendo delle vostre svegliette e campanellini del Tempo del risveglio, delle vostre grafie e scenografie composte su misura… saprò aspettare… saprò moderare la mia impazienza… per un pochino 🙂 .

E ora vi offro da bere 🙂 un breve saggio – assaggio del mio passato umano.