Tornerò a sollecitare le vostre anime

La Strada

v
Questa è la parte finale di un’intervista ad un giornalista bulgaro in cui Volodia presenta alcuni suoi compagni del teatro della Taganka e anche il teatro stesso.
Il testo della canzone “La Strada” è di Yuri Levitansky (che successivamente lo “regala” a Volodia).
Prima di iniziare a cantare, Volodia dice che questa canzone è l’inno del teatro della Taganka, perché il teatro è sempre in viaggio, sempre in evoluzione, e lo sarà sempre, finché esisterà.

La Strada

Centomila strade sono rimaste indietro,
Lontano, lontano, lontano.
E che cosa deve ancora venire?
La strada, la strada, la strada.

Calma il tuo cuore,
Non c’è motivo per sentire l’angoscia,
Semplicemente questo è il nostro indirizzo –
La strada, la strada, la strada.

Uscirò vivo dal fuoco,
E se dovessi morire prima del tempo,
Dopo di me rimarrà
La strada, la strada, la strada.

Дорога

Сто тысяч дорог позади,
Далеко, далеко, далеко.
А что там еще впереди?
Дорога, дорога, дорога.

Ты сердце свое успокой,
Напрасна, напрасна тревога,
У нас просто адрес такой –
Дорога, дорога, дорога.

Я выйду живым из огня,
А если погибну до срока,
Останется после меня
Дорога, дорога, дорога.